Corsi Live Corsi Online Store WebTV Blog Recensioni

Mens sana in corpore sano - Michael J. Gelb e Kelly Howell

09/09/2016

La nozione per cui tenersi in forma è fondamentale per la salute di tutto il corpo e l’acutezza della mente era un pilastro fondamentale della filosofia dell’antica Grecia e di Roma. Secondo Platone, “la mancanza di attività rovina il benessere fisico e mentale di ogni essere umano, mentre il movimento e l’esercizio sistematico lo tutelano e lo preservano”. E Ippocrate consigliava: “Se riuscissimo a dare a ciascun individuo la giusta quantità di cibo e di esercizio, né troppo né troppo poco, avremmo trovato la via più sicura alla salute. Perché questo è il grande errore dei medici del nostro tempo, separare il corpo dallo spirito.”

Il motto latino mens sana in corpore sano (mente sana in corpo sano) era uno di quelli a cui si ispirava Leonardo da Vinci. Circa cento anni dopo la morte di Leonardo, il filosofo francese Cartesio teorizzò la distinzione tra mente e corpo nel suo trattato Meditazioni metafisiche. Nelle quali sono dimostrate l’esistenza di Dio e la distinzione reale tra l’anima e il corpo dell’uomo. Fu proprio quest’opera a contribuire all’affermazione della tendenza di medici ed educatori a considerare questi aspetti della persona come separati.

La scienza attuale dimostra che Cartesio si sbagliava, mentre Ippocrate aveva ragione: mente e corpo sono inseparabili. L’atteggiamento mentale influenza il benessere fisico e l’aspettativa di vita, così come l’esercizio influenza il cervello e il suo acume.

Nel suo splendido libro Il cervello. Istruzioni per l’uso, John Medina, biologo molecolare, introduce la prima regola per migliorare la mente con il passare degli anni: l’esercizio fisico aumenta le capacità mentali! Medina spiega che le “regole del cervello” si basano su certezze scientifiche. Scrive: “L’esercizio elimina sostanze chimiche dannose legate allo stress, favorendo invece le capacità di risoluzione dei problemi, di pianificazione e di attenzione.” Inoltre, aggiunge: “Dimezza il rischio di demenza senile.”

Tratto dal libro “Brain Power” di Michael J. Gelb e Kelly Howell. Per ulteriori informazioni clicca qui

Cosa ne pensi? Scrivilo qui, grazie

L'indirizzo email non verrà pubblicato

Cosa ne penso



Articoli in evidenza

Categorie